Sex, Eros & Love

Tre particolari forze nell’universo

La forza dell’Amore, la forza Eros e la forza Sesso sono tre principi o forze distinte che si manifestano ciascuna con le proprie peculiarità, nell’Universo e nell’uomo che vi è immerso. E’ poco noto che siano distinte, anche se insieme possono formare un fascio di forze. Nel seguito ne indichiamo la definizione e le differenti funzioni e caratteristiche, secondo quello che insegna la Lezione n. 62 del Pathwork di Eva Pierrakos.

Non abbiamo pretese di completezza né di “verità” rispetto ad altre definizioni che voi stessi usate, o che incontrate altrove: vogliamo solo sgombrare il campo da fraintendimenti riguardo al nostro vocabolario, in modo che ogni volta che useremo queste parole, amore, eros, sesso, sia chiaro che cosa intendiamo nella nostra Scuola. 

Amore e Psiche – Canova (Museo del Louvre)

Amore

1.1.   La forza dell’UNO

L’Amore è la forza che tende all’UNO: costantemente fluisce nell’universo, nei corpi che lo compongono, negli animali, nell’uomo. Per usare la definizione di Dante, intendiamo “l’amor che move il sole e l’altre stelle”. Così John Pierrakos, che alla poesia di Dante unisce gli insegnamenti della Guida del Pathwork, ci spiega che l’amore è l’energia vitale, è il motore, è intelligente e onnipotente, risiede in noi e ci attraversa in un flusso continuo ed eterno; e poiché vi siamo immersi come in un oceano, ci connette gli uni agli altri e ci alimenta.

Per riassumere, le caratteristiche dell’Amore sono queste: è energia vitale, è sempre in movimento, è un tessuto connettivo che ci rende UNO. Per noi è puro Spirito. Noi esseri umani, per proteggerci dalle sfide della vita imperfetta sulla terra, abbiamo imparato fin dall’epoca prenatale a costruirci una difesa, anche fisica, limitando proprio il fluire dell’energia vitale dentro il corpo, allo scopo di sentire meno: meno dolore, meno frustrazione, meno mancanze, meno paura, meno senso di colpa. Lo abbiamo fatto bloccando il respiro e limitando i movimenti del corpo, e insieme sviluppando comportamenti e attitudini difensive. Ma sentire meno ci ha costretto anche a sentire meno gioia, meno libertà, meno amore.

Sapere che dentro di noi abita l’energia vitale, lo spirito, l’Amore, può darci la motivazione per  iniziare un cammino di consapevolezza, ed invertire così la direzione che porta alla paralisi, in modo da consentire all’energia vitale, allo spirito, all’amore, di tornare a fluire nel nostro corpo e nella nostra vita.

1.2.   Che cosa amiamo?

Si può provare amore per le cose, concrete e astratte: la propria casa, l’automobile, i vestiti, ma anche l’arte, la filosofia, il calcio, il cibo, la professione. A causa di questo amore, l’individuo può provare emozioni molto forti connesse con l’acquisto, il possesso, l’esercizio, o la rinuncia o il danneggiamento di tali cose. La percezione dell’amore a questo livello è semplice, gli oggetti non hanno modo di ricambiare l’affetto, non mostrano approvazione o critica, non fanno richieste. Si può provare amore per una creatura vivente, vegetale o animale. Queste richiedono un impegno crescente, considerazione, accudimento, cura. Con gli animali possiamo già parlare di relazione, l’oggetto d’amore interagisce e ci restituisce calore ed affetto. Qui il potere e la responsabilità sono concentrati da una parte sola, e l’altra parte può solo obbedire o ribellarsi, al massimo fuggire.

Si può anche provare amore universale, per gli animali in generale, la terra che sostiene, l’umanità nel suo insieme, e questo amore prevede sforzo, sacrificio, altruismo, generosità, e attitudini altamente costruttive, senza un ritorno affettivo. La responsabilità è da una parte sola. Infine si possono amare le persone, all’interno di relazioni alla pari o asimmetriche, occasionali o durature, esclusive o di gruppo. Amare presuppone una volontà ed un impegno, e la propria capacità d’amore è la misura di quanto siamo liberi dai comportamenti ripetitivi dovuti alle difese caratteriali. 

1.3.   La distorsione

Dante ci dice che l’amore muove l’universo, ma anche l’amore può essere distorto. E infatti la distorsione dell’amore è proprio la ragione per la quale le anime vengono assegnate ai gironi dell’inferno. Dante ci spiega infatti che si può distorcere l’amore per “troppo di vigore, poco di vigore, malo obietto”, che significa per troppa forza, per poca forza, o per aver sbagliato oggetto. Il concetto è che se “amo troppo” qualcosa, come il cibo o il sesso o il denaro, diventa ossessione, vizio, dipendenza, narcisismo; se amo troppo poco, diventa una sopportazione, una pigrizia, un pretendere, un accontentarsi; se sbaglio oggetto, significa che indirizzo l’amore verso il male anziché il bene, e dunque cerco il male altrui attraverso l’ira, la superbia, l’invidia. In qualsiasi momento, se ci accorgiamo della distorsione, possiamo tornare nella direzione giusta. Ad amare SI IMPARA

Eros

Eros è la forza di attrazione, mette in comunicazione e in relazione i corpi nell’Universo, e dunque anche gli esseri umani. Quell’angioletto con l’arco in mano, che nella mitologia si chiama Eros, scocca la sua freccia e provoca attrazione: ha un impatto tremendo, è come la piena di un fiume che travolge tutto ciò che limita il suo libero fluire, si fa spazio, forza i blocchi, libera dalle inibizioni. Eros, se lasciato a sé stesso, si estingue, come il fiume in piena che si placa arrivando al mare. Durante la sua attività, Eros può lasciare macerie oppure terre fertili, dipende da come usiamo la sua forza. Anche Eros esiste nell’universo e nell’uomo: è la forza di gravitazione universale, è l’attrazione magnetica, è l’attrazione che proviamo quando scegliamo un animale da compagnia, un amico, un libro.

Eros è ciò che in altre parole possiamo chiamare innamoramento, cioè quella attrazione apparentemente senza motivo, chimica, istintiva, è quella carica di desiderio che nasce, fiorisce, e poi esaurisce la sua spinta. Che senso ha questa dinamica involontaria? Serve a travolgere le nostre difese e a farci sperimentare per qualche tempo lo stato di grazia tipico dell’amore, e noi possiamo cogliere l’attimo per rendere duratura quella condizione, imparando ad amare. L’innamoramento punta un riflettore su un candidato come destinatario del nostro amore, ci mostra che fuori dalle difese siamo capaci di amare senza misura; e se impariamo a stare nella presenza rendiamo duratura tale condizione. Invece, se non facciamo tesoro dell’esperienza, Eros esaurisce la sua forza e noi usciamo dallo stato di grazia senza aver imparato niente.

Sesso

Il Sesso è la forza creativa ad ogni livello di esistenza. Sui piani più alti, la forza Sesso crea la vita spirituale, le idee spirituali, i concetti e principi spirituali. Da quei piani, le persone creative sono in grado di prendere spunto e ispirazione, e trasformarlo in arte ed espressione di sé. Su piani più bassi, la pura forza sesso crea l’involucro esterno dell’essere umano, i corpi fisico, emotivo, mentale, attraverso la riproduzione. Il sesso senza eros e senza amore lo chiamiamo “animale”: è una esperienza naturale poiché è dedicata alla conservazione delle specie vegetali, animali, e umana. Questa forza creativa non esaurisce il suo compito con la “procreazione” ma è responsabile della riproduzione delle cellule, per esempio, ed è quindi il centro del mantenimento in vita del nostro organismo e di quello di tutti i viventi; è anche responsabile di tutti i processi di progettazione, sia quelli che riguardano opere materiali, sia quelli che riguardano la nostra realizzazione personale e professionale.

E’ interessante notare come la forza creativa sia connaturata con il piacere, sia nell’atto sessuale che nell’espressione artistica ed anche nella progettazione, e sia connessa con il principio di carica e scarica, che presiede al succedersi di tensione e distensione, spinta e appagamento, bisogno e soddisfazione, eccitazione e orgasmo.

Il fascio delle tre forze

Dicevamo all’inizio che queste tre forze sono un fascio, il che significa che agiscono all’estrema potenza quando sono presenti tutte e tre contemporaneamente. Sulla terra, il campo su cui è possibile che si manifestino le tre forze insieme è la coppia stabile. Noi vogliamo offrirvi qui il punto di vista della Guida del Pathwork, perché a noi sembra molto interessante. Di solito si fa confusione fra innamoramento e amore, considerandoli sinonimi: i social, le riviste, il web sono pieni di frasi come “l’amore finisce”, oppure “il matrimonio è la tomba dell’amore”, oppure “il desiderio dopo un po’ svanisce e resta solo l’amore”. La nostra definizione è questa: Eros è l’innamoramento, è l’attrazione, la chimica, la spinta. La sua funzione è di motivare ad imparare ad amare, rappresenta la possibilità di sperimentare temporaneamente l’Amore così come l’abbiamo definito sopra, senza blocchi, nell’apertura al mondo, nella scoperta dell’altro, nella meraviglia del creato, nella fiducia della presenza nel “qui e ora”. Questa possibilità è il dono divino di farci sperimentare le meravigliose potenzialità dell’essere umano adulto, libero da comportamenti limitanti. Praticamente è un assaggio dell’Amore senza il peso dell’impegno e della volontà.

L’Eros attrae due persone (forza di attrazione) a creare (forza creativa) UN solo corpo (forza dell’UNO). L’attrazione spinge all’unione dei due corpi fisici, dei due corpi emozionali, dei due corpi mentali, dei due corpi spirituali. Per raggiungere l’unione occorre abbattere le difese e trovare il modo di incontrarsi, e per incontrarsi occorre scoprirsi, conoscersi, ed essere disponibili a scoprire l’altro e conoscerlo. Cioè accedere alla rivelazione di sé e dell’altro. Ma il tempo concesso è limitato, pertanto quando si accende questa scintilla nella nostra vita è importante che oltre a godere di tanta bellezza impariamo a dare basi durature a ciò che abbiamo sperimentato “gratuitamente”, cioè che riusciamo a riprodurre e coltivare la meraviglia dell’eros. E’ la nostra deliberata volontà che deve indurci a ricercare nella rivelazione quotidiana di sé all’amato e nella scoperta dell’amato le profondità illimitate dell’altra persona, a condividere la nostra stessa ricerca interiore. Questo, a sua volta, è sempre determinato dalla nostra disponibilità ad imparare ad amare. Solo in questo modo manterremo la scintilla dell’eros del nostro amore. Solo in questo modo continueremo a scoprire l’altro e a lasciarci scoprire, diversamente finito l’impulso di attrazione ricominciamo a limitare il flusso dell’amore fino a ostruirlo.

La meta finale del cammino che Dante ci indica nella Divina Commedia come cammino dell’umanità intera è la rivelazione. Di questo cammino noi abbiamo un inizio di esperienza con la rivelazione di noi stessi al volto dell’amato/a. Ciascuno di noi che riconosce di essere in uno stato di ricerca di sé stesso, può onestamente ammettere di non conoscersi pienamente, a maggior ragione non si può conoscere un’altra persona completamente, quindi la rivelazione di sé stessi è sempre possibile, e la forza EROS è sempre a disposizione. Una volta scoperta questa dimensione di Amore, in noi può fluire quell’oceano infinito di energia in cui siamo immersi e “che muove il sole e le altre stelle”, l’innamoramento per il nostro partner diventa il mezzo e non il fine della nostra esperienza umana, il più splendido veliero che ci possa condurre nell’impetuoso mare della vita. 

Dalla Lezione n. 62 del Pathwork di Eva Pierrakos: “(….) la relazione tra i sessi presenta anche più ostacoli e attriti di qualsiasi altra relazione, perché le emozioni individuali sono maggiormente coinvolte. Dunque, rispetto ad altre relazioni umane, esistono minore obiettività e distacco. Per cui, il matrimonio (Ndr. Cioè la coppia stabile, non occasionale) è, da un lato, la più difficile di tutte le relazioni, ma dall’altro la più fruttuosa, la più importante e la più benedetta.”

Pubblicato da

Carlo Gibello

Professional Counselor, ai sensi della legge 4/2013, Formatore e Supervisore iscritto al registro italiano dei Counselor di Associazione REICO. Cofondatore della “Scuola la Commedia”, insegnante, supervisore e responsabile didattico.

2 commenti su “Sex, Eros & Love”

  1. Luigi Nardi ha detto:

    Molto istruttivo e, secondo me, profondo. Una lettura quantomai utile!

    1. Administrator ha detto:

      Grazie del commento, Luigi Nardi e grazie del tuo prezioso lavoro di traduzione in italiano di tutte le lezioni del Pathwork di Eva Pierrakos che metti a disposizione di tutti sulla tua pagina Facebook “Le lezioni di Eva”. https://www.facebook.com/groups/441158692582386/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *